Amministrazione trasparente

PON FSE 2007-2013

PON FESR 2007-2013

agosto: 2020
L M M G V S D
« feb    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

[Valid RSS]

Incontro con il Cantastorie Luigi di Pino

.

L’incontro con il Cantastorie Luigi di Pino fa parte del progetto ”Storia, arte, cultura e patrimonio artistico siciliano” e nasce dalla volontà della scuola “G. Deledda” di aderire alle Indicazioni sulla attuazione della Legge regionale 31 maggio 2011 n.9 recante “Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole”, datata 14 settembre 2011.

Recuperare la memoria storica, attraverso la cultura e  le tradizioni  della propria terra, fa parte della civiltà di un popolo. E’ per questo motivo che il Collegio dei docenti della scuola “Deledda” ritiene valido avviare percorsi progettuali, finalizzati alla realizzazione di un approccio al mondo culturale siciliano da parte degli alunni di questo Istituto Comprensivo.

 . 

Il progetto ha perseguito i seguenti obiettivi:

- il recupero della memoria del nostro patrimonio culturale;

- creare approcci al patrimonio letterario colto e popolare del dialetto siciliano;

- creare approcci con la struttura e le peculiarità della lingua siciliana;

- fornire la conoscenza di tradizioni popolari legate alle festività e alle attività lavorative;

- sviluppare la coscienza che il passato non è un’entità morta, ma è il segno della presenza ancora vivo nella lingua e nelle usanze del popolo.

 . 

Essi sono stati raggiunti in distinti momenti di lavoro e di ricerca:

- Il Natale nella tradizione siciliana

- Gli antichi mestieri del mondo siciliano

- Dalla poesia colta della Scuola Siciliana  all’esperienza popolare di Martoglio

Le tre sezioni di lavoro non sono state realizzate indistintamente, ma hanno avuto contenuti e metodologie differenti in riscontro all’età  degli alunni e all’ordine e grado scolastico che vi ha preso parte.

.

Un Populu
Diventa poviru e sirvu,
quannu ci arrobbanu a lingua
addùtata di patri….

(I. Buttitta)