Amministrazione trasparente

PON FSE 2007-2013

PON FESR 2007-2013

luglio: 2020
L M M G V S D
« feb    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

[Valid RSS]

Progetto Unesco

 

Visualizza presentazione – Progetto in rete nazionale UNESCO

 

Il nostro Istituto ha partecipato all’iniziativa di ammissione alla Rete Nazionale U.N.E.S.C.O.- Italia e si è attivato per lo svolgimento del progetto “Esistere, Coesistere, Condividere Sostenibilmente”.

A partire dalle indicazioni di massima ricevute e dal curricolo del nostro Istituto, si è costruito un percorso che ha offerto agli alunni la possibilità di intraprendere “sentieri formativi” finalizzati all’ibridazione feconda tra le varie culture, contribuendo in tal modo all’affermazione dei principi dell’U.N.E.S.C.O. nell’azione educativa. Nel corso dell’anno scolastico le nostre classi si sono trasformate in un laboratorio di vita stimolante per:

  • acquisire consapevolezza di sé;
  • sperimentare modalità relazionali positive e propositive;
  • assumere stili comportamentali di cooperazione e condivisione.

Destinatari del progetto sono state alcune classi di scuola primaria e secondaria di primo grado.

L’articolazione delle attività è stata veicolata da quella delle diverse discipline con un approccio metodologico interdisciplinare e metadisciplinare e con l’utilizzo della didattica comparativa.

  • 1a tappa progettuale (alunni di IV primaria e II secondaria)

Il progetto ha avuto inizio già a partire dal mese di novembre in occasione della giornata dei diritti dei fanciulli. L’indagine storica attuata e alcune testimonianze ricercate dagli stessi alunni sulla violazione dei diritti dei fanciulli, sono state l’occasione per riflettere insieme ad un livello più alto sulle nozioni di giustizia, uguaglianza, rispetto e libertà. Gli alunni sono stati sollecitati anche ad un confronto intergenerazionale. Questa prima parte del percorso si è conclusa con le loro produzioni scritte e con attività grafico-pittoriche.

  • 2a tappa progettuale (alunni di IV primaria e II secondaria)

Partendo da testi opportunamente scelti, gli alunni di primaria hanno riflettuto sul valore della lingua e sulle possibilità comunicative “altre” per arrivare infine alla consapevolezza che per capirsi non è indispensabile la conoscenza della lingua, ma la volontà di capirsi. I più grandi di scuola secondaria hanno sperimentato il piacere di comunicarsi attraverso la musica, lingua universale. I ragazzi hanno compreso come ogni popolo usa la musica per trovare la pace interiore, il dialogo con Dio e con la natura. Silenzio, musica, anima, natura e cosmo: sono state queste le parole che hanno legato il percorso d’ascolto durante le ore disciplinari. Nel Cd realizzato, la musica di sottofondo che accompagna il testo è stata composta da un nostro alunno di II secondaria.

  • 3a tappa progettuale (alunni delle varie classi dell’Istituto)

In occasione delle festività natalizie, gli alunni delle diverse classi sono stati impegnati nella realizzazione dei presepi del mondo. In questo modo si è cercato di recuperare il valore delle altre culture attraverso l’arte. Significativa è stata la collaborazione dei genitori degli alunni di altre etnie. Ciò ha dato opportunità di avvicinarci ad usi, costumi, tradizioni, riti religiosi, diversi dal nostro contesto culturale, promuovendo la conoscenza della diversità, l’accoglienza e la valorizzazione delle differenze. Si è rilevata significativa la collocazione della natività negli angoli tormentati del mondo (per esempio la realizzazione del presepe di Lampedusa e del presepe Afghano). In particolare gli alunni della IV primaria si sono soffermati sull’Afghanistan, acquistando coscienza attiva del concetto di Patrimonio Culturale dell’Umanità e dei profondi legami che uniscono l’Europa all’Oriente, proprio attraverso questo territorio, crogiolo di etnie diverse. Gli alunni hanno riflettuto a lungo sulla diversità che purtroppo in questo luogo spesso sfocia nel conflitto. Un bel momento di questa tappa progettuale è stato quello della ricerca di “ninne nanne” in altre lingue che ha portato all’esecuzione finale del canto corale di una ninna nanna araba (occasione data dall’inaugurazione della mostra dei presepi del mondo nei locali del nostro Istituto)

  • 4a tappa progettuale (alunni di V primaria)

In occasione della giornata della donna, ciascun docente coinvolto ha individuato nelle proprie classi un argomento specifico sulla donna, per mettere a confronto presente e passato. Il tutto è stato realizzato attraverso lezioni frontali, lavori di gruppo, discussioni, analisi e confronto di materiali raccolti. Gli alunni hanno contribuito con idee e azioni mirate all’approfondimento dei contenuti e hanno prodotto relazioni scritte e orali, alcune delle quali sono state utilizzate per la realizzazione del CD.

  • 5a tappa progettuale (classi IV e V primaria)

Partendo dalla cronaca di Sicilia gli alunni sono stati stimolati a riflettere sulla vicenda degli sbarchi clandestini sulle coste meridionali dell’Italia, con particolare riferimento all’isola di Lampedusa. Alla fine, dalle loro discussioni e dal lavoro di gruppo è emersa la coscienza che il fenomeno dell’immigrazione può essere risolto con due armi: integrazione e consapevolezza.

.

Gli enti esterni coinvolti nel progetto sono stati:

  • la “Comunità di S. Egidio” il cui intervento si è collocato nella terza tappa progettuale. I due volontari intervenuti durante l’inaugurazione dei presepi hanno presentato la loro attività di volontariato agli alunni e hanno partecipato attivamente alla realizzazione della mostra;
  • l’associazione “Mani Tese” si è inserita in seno alla quinta tappa progettuale. Alcuni volontari hanno coinvolto gli alunni di IV primaria e di I e II secondaria, trasformando le classi in veri laboratori creativi. I più piccoli si sono messi nei panni dei bambini sfruttati, inscenando il commercio dei semi di cacao, mentre ai più grandi sono state proiettate le cartografie “Peters” che hanno dato lo spunto per leggere e riflettere sugli squilibri tra nord e sud del mondo.